6 domande sul posizionamento del tuo brand

Per lavorare sul posizionamento è necessario innanzitutto ragionare sul tuo potenziale cliente, sul suo problema e su come tu puoi risolverlo.

Dopodiché è importante che tu consideri la concorrenza e le tue capacità uniche che ti distinguono.

Ho raccolto 6 semplici domande che potrebbero aiutarti a riflettere e trovare nuovi spunti per la tua attività.

1 – Qual è il grande problema che tu sei in grado di risolvere al cliente?

Quando il tuo cliente ideale si imbatte nel tuo brand quali problemi sta cercando di risolvere?

Perché non ha ancora trovato la soluzione perfetta?

2 – Qual è il risultato che il cliente sta davvero comprando?

“Le persone non comprano prodotti, comprano versioni migliori di loro stesse.” è una frase che ho letto spesso.

E allora, a cosa assomiglia quel futuro migliore che hanno deciso di vivere con la tua soluzione? Sembra una considerazione banale, ma questo è il fondamento di ogni vendita.

Come cambierà la vita normale del tuo cliente o la sua reputazione, o anche la sua immagine?

Ricordati che sono le persone a comprare. E le persone sono esseri umani con debolezze, paure e ambizioni.

3 – In che modo sei diverso dalla tua concorrenza?

“Differente”, “migliore”, meno costoso” è solo una semplificazione spesso troppo generica.

Ci sono molti altri modi specifici in cui puoi evidenziati dagli altri.

E tu cosa puoi fare davvero per evidenziarti? E quello che puoi fare è strettamente collegato a quel problema del cliente che tu hai identificato?

Ti dò una mano: trova una risposta a questa domanda:

perché i miei potenziali clienti dovrebbero scegliere il mio prodotto il mio servizio rispetto alla concorrenza?

  • perché hai maggiore esperienza .
  • perché fai le cose nel modo più semplice.
  • o magari per i valori per cui tu ti impegni.
  • forse perché hai una prospettiva unica sul problema è sulla soluzione.

4 – Quali sono i benefici dal punto di vista “emotivo” del tuo brand?

Come si sentono i clienti nel momento in cui ti scelgono?

Innanzitutto la cosa più importante è che questi benefici emotivi siano diversi da quelli che potrebbe offrire la tua concorrenza

5 – Quali sono i benefici dal punto di vista “funzionale” della tua soluzione?

Quali attributi specifici rendono il tuo prodotto o il tuo servizio è migliore delle alternative?

  • È più semplice?
  • Più veloce?
  • Di maggior durata?
  • Più personalizzabile?

6- Perché le persone dovrebbero crederti?

C’è un modo in cui tu puoi provare che il tuo brand è diverso, migliore, più performante o più economico?

Hai delle testimonianze, dei dati oggettivi, o dei riconoscimenti?

Magari dei premi ricevuti?

Quali garanzie puoi offrire al cliente?

Come vedi ti ho offerto molti spunti su cui ragionare.

Prova a scrivere su un foglio le risposte a queste domande, e rileggilo periodicamente, lascia che queste domande lavorino dentro di te, e vedrai che poco per volta, cercare delle risposte ti aiuterà a focalizzare meglio la tua attività

Se vuoi scrivimi le tue idee, a alberto@albertovercellotti.it e potremo fare un ragionamento insieme.

Buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *