Missione e visione: qual è la differenza?

Mission e vision sono due parole che vengono spesso usate e talvolta abusate, senza arrivare a comprenderne la vera l’importanza.

È facile trovarle indicate nei siti di aziende importanti, è difficilissimo e gravissimo non trovarle nei contenuti online di piccole imprese e professionisti.

Chiunque abbia un’attività dovrebbe definire i suoi scopi e obiettivi, declinandoli in dichiarazioni di mission e vision.

Il perché deve essere chiaro: mission e vision sono le prime coordinate che tracciano una rotta chiara sia per chi conduce l’attività, sia per chi la intercetta.

Senza di esse, diventiamo come un vascello di pirati che solca i mari in lungo e in largo, semplicemente alla ricerca di qualche barca da abbordare.

In effetti vendere è stato proprio così per tanti anni, e sicuramente era più facile di adesso: bastava avere una nave ben corazzata (magari una mandante importante), viaggiare veloci prima dei nostri concorrenti ed arrembare le migliaia di barche e barchette che si trovavano nei pressi.

Purtroppo la pacchia è finita, sono rimasti pochi incauti che solcano il mare indifesi, disposti a farsi conquistare dal primo di passaggio.

Quindi la vendita è diventata una nuova disciplina, richiede allineamento tra le rotte, reciproca utilità, perizia e pazienza nel decidere l’esatto momento in cui le barche si affiancano, e naturalmente ammainare la bandiera dei pirati e issarne una con il nostro brand.

bandiera con logo Alberto Vercellotti

Entrambi hanno scopi, ma ben diversi per un’azienda, e spesso sono confuse l’una con l’altra.

In consulenza con i miei clienti ci troviamo spesso ad affrontare a posteriori la questione della missione e della vision.

È difficilissimo intervenire a posteriori dalla creazione o fondazione di un’attività, come sarebbe difficile modificare il progetto di una casa di cui siano state già realizzate fondamenta e tetto.

E in realtà si tratta proprio di questo, di progettare fondamenta di attività che quasi mai vengono studiate.

Molti imprenditori, per restare in analogia, cercano un terreno libero, non fanno alcun carotaggio, cominciano ad edificare pareti senza un disegno preciso, senza una strategia, senza curare aspetti fondamenta-li semplicemente affidandosi all’apparenza estetica.

E non a caso questo si riverbera anche nell’estetica del sito, che supinamente spesso il web designer crea su istruzioni e gusti dell’imprenditore, senza alcun collegamento funzionale con la realtà.

Torniamo comunque al tema centrale di questo articolo.

Mentre una dichiarazione di mission descrive ciò che vogliamo fare ora, una dichiarazione di vision delinea ciò che vogliamo essere in futuro.

La Dichiarazione di una Mission è focalizzata sul presente; definisce chi siamo, i nostri clienti, i problemi che risolviamo, ed i processi che utilizziamo per affrontarli.

La Dichiarazione di Vision guarda al futuro: ci ispira e dirige in una particolare direzione, modella le nostre decisioni e le nostre scelte.

Spesso descrive non solo il futuro della nostra organizzazione, ma anche quello del mercato in cui operiamo, dei cambiamenti che desideriamo portare, del miglioramento di cui vogliamo attivamente essere parte.

Un pensiero su “Missione e visione: qual è la differenza?

  1. Pingback: L'errore numero 1 nel marketing - Marketing Sottovoce - Alberto Vercellotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *